Browsing: Attualità Estero

Notizie di attualità dall’estero

Esclusivo Parigi (Francia) – Un mulino a vento che perde le pale. È successo, attorno all’una e 45 della notte tra il 24 ed il 25 aprile, al celebre teatro cabaret Moulin Rouge, in boulevard de Clichy, nel quartiere Pigalle, nei pressi di Montmartre (zona frequentata da bohémiens ed artisti). L’esterno rosso vivo e gli interni abbelliti secondo stile Belle Époque l’assegnano tra gli emblemi nella Ville Lumière (Città della luce) dello specifico periodo storico d’evoluzione sociale, culturale ed artistica (compreso, grosso modo, tra gli ultimi decenni del XIX secolo e l’inizio della Prima guerra mondiale, nel 1914). …

Read More

La vicenda del veronese Antonio Scale, morto “ufficialmente suicida” in una cella a Budapest, nel luglio 1995 ed in breve oscurata Mentre le circostanze delle condizioni di detenzione a Budapest dell’estremista di sinistra Ilaria Salis, opportunamente sbandierate ai media con tanto di liberatoria dell’interessata, hanno preso la piega d’una farsa sciacalla pseudo politica raccattata dalle opposizioni in chiave antigoverno per la reputata vicinanza di questo al primo ministro ungherese Viktor Orbán e mentre lo stesso presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, invece di mantenere un contegno istituzionale super partes senza ingerenze in affari interni d’uno Stato sovrano (che è, fino a…

Read More

Scambio sottobanco con i due americani che hanno ucciso il carabiniere Marco Cerciello Rega? Qualcosa non torna nella sbandierata pseudo vittoria di Giorgia Meloni nel suo sbaciucchiante approccio con Biden riguardo al caso di Chico Forti, condannato negli Stati Uniti all’ergastolo nel 2000 per un omicidio dai molti lati oscuri e detenuto dapprima al Dade correctional institution di Florida City e poi al South Florida reception center di Doral. Già il 23 dicembre 2020 l’allora ministro (sui generis) degli Affari esteri, Luigi Di Maio aveva annunciato, con i soliti toni trionfalistici di chi asseriva d’aver “sconfitto la povertà”…

Read More

Presenze veronesi al secondo Congresso del Movimento Internazionale dei Russofili (MIR, nell’acronimo francese) a Mosca. Alla faccia dell’obbligatorio scalo in aeroporti di Paesi terzi (come la Turchia) per l’impossibilità di voli diretti dall’Unione europea alla Russia (e viceversa) decisa dalle sanzioni occidentali, hanno raggiunto la capitale della Federazione Russa per partecipare all’evento, assieme ad altri italiani, Vito Comencini, ex deputato della Lega (da cui è poi uscito) ed oggi presidente del Movimento Popolo Veneto e Palmarino Zoccatelli, presidente dell’Associazione Culturale Veneto Russia, noto tradizionalista cattolico ed indipendentista veneto, nonché responsabile dell’ufficio territoriale veronese della Repubblica Popolare di Donetsk.…

Read More

Donetsk (Repubblica Popolare di Donetsk) – Anche le confessioni religiose sono state prese per i capelli nel conflitto russo-ucraino tra fratelli (come sento spesso ripetere dai vari interlocutori che guardano a Mosca). Secondo una statistica effettuata nel 2019 dal Centro “Razumkov”, o Centro ucraino per gli studi economici e politici (un think tank non governativo che compie ricerche in politiche interna, economica, sociale, estera, amministrazione statale, energia, relazioni territoriali, sicurezza internazionale e regionale, sicurezza e difesa nazionale), formato il 15 agosto 1994, con sede centrale a Kyïv ed intitolato all’ex membro Olexander Razumkov (17 aprile 1959 – 29 ottobre…

Read More

   Mentre il conflitto tra Israele ed Hamas, dopo l’efferata incursione stragista e la cattura di ostaggi da parte dei terroristi del Movimento Islamico di Resistenza (Ḥarakat al-Muqāwama al-Islāmiyya) nei kibbutz e nel rave a ridosso della Striscia di Gaza del 7 ottobre scorso, s’infiamma sempre di più nel sangue, da giorni è scattato l’allerta su eventuali obiettivi ebraici a Verona di unità islamico-fondamentaliste risvegliatesi in Italia ed in Europa. O di squinternati sostenitori (anche italiani) del free Palestine nel clima psichiatrico in impennata d’israelofobia, se non antisemitismo, aggiunta alla già presente russofobia. La vigilanza più accentuata è svolta…

Read More

Il tam-tam per far radunare più partecipanti possibile, nel pomeriggio di domenica 15 ottobre in piazza Cittadella, è partito dal profilo su Facebook dell’attivista Mariam Ghrissi:“Evento Verona per la Palestina. Presidio di solidarietà al popolo palestinese ed alla sua resistenza. Ci uniamo alla mobilitazione nazionale indetta dai Giovani Palestinesi d’Italia in solidarietà al popolo palestinese ed alla sua resistenza. Da 75 anni la popolazione palestinese combatte per la propria libertà e dignità, dinanzi ad un regime d’occupazione ed apartheid. È nostro dovere mostrare la piena solidarietà. Mentre istituzioni statali e regionali, mezzi d’informazione, personaggi pubblici e politici fanno la…

Read More

“VIVE LA RÉSISTANCE PALESTINIENNE ET IRAKIENNE”? Volantini di “solidarité avec le peuple palestinien” raccolti a Bruxelles ed adeguatamente conservati – Documenti d’epoca che rimbalzano nella drammatica attualità Bruxelles (Belgio) – A proposito di quanto sta accadendo d’efferato in Israele per mano terroristica, senza scusante alcuna, da parte di Hamas (acronimo arabo di Ḥarakat al-Muqāwama al-Islāmiyya, Movimento islamico di resistenza), con sede a Gaza, nell’omonima Striscia e dei libanesi di Hezbollah o Ḥizb Allāh (Partito di Dio). Dal 10 al 14 aprile 2002 ho partecipato da capo gruppo ad un soggiorno culturale nella capitale belga che includeva anche la…

Read More

Presentato negli ex Magazzini Generali Geopolitica internazionale, dalla Turchia di Erdoğan alla Russia di Putin, in un incontro pubblico tenutosi nella Sala A del fabbricato M15 (nei pressi della rotonda tra stradone Santa Lucia e via Tombetta, all’imbocco di viale Piave) dei rinnovati ex Magazzini Generali.    L’appuntamento, moderato dal colonnello Paolo Cesare Magno (ex appartenente al Comando forze operative terrestri di Verona, ex rappresentante militare italiano in Eurocorps ed oggi coordinatore del Comitato Europa di Italia Viva scaligero) ed introdotto da Davide Bendinelli (Caprino Veronese, 19 ottobre 1974, ex deputato, sindaco di Garda e coordinatore regionale di Italia…

Read More

   Il direttore responsabile de “Il Giornale dei Veronesi”, Claudio Beccalossi, dopo due viaggi-reportage nel Donbass in guerra e su sua iniziativa, ha lanciato il progetto “Una rosa per la pace” sui media con l’obiettivo di spingere, tramite la sensibilizzazione popolare, verso una diplomazia finora accantonata del conflitto russo-ucraino che sta pericolosamente degenerando, sia nel crescendo di morti d’ambo le parti che nell’impiego di armi sempre più potenti. Il “manifesto” proposto da Beccalossi è già stato raccolto da testate online e social, anche all’estero. L’art. 11 della Costituzione italiana è chiaro e notorio: “L’Italia ripudia la guerra come strumento di…

Read More

“Il Giornale dei Veronesi” riceve da Mosca Artyom, funzionario del ministero della Difesa della Federazione Russa a Mosca e che per questo suo importante ruolo istituzionale non può firmarsi per intero (che ha già inviato alla nostra testata online vari documenti-video esclusivi), ci ha scritto alcune sue osservazioni, ricavate da informazioni raccolte, riguardo all’esplosione avvenuta l’8 ottobre scorso sul ponte di Crimea (o di Kerc’, viadotto stradale e ferroviario lungo circa 19 km e realizzato dalla Federazione Russa per collegare la penisola di Taman’, competenza di Krasnodar, nella Russia continentale, con l’altra penisola di Kerc’, in Crimea, dopo l’annessione di…

Read More

In merito alle proteste, gli arresti e i pestaggi che da settimane stanno avvenendo in Iran, l’Amministrazione di Verona ritiene di far sentire la propria voce con il seguente documento. “La città di Verona esprime la più ferma riprovazione per la violenta repressione in atto in Iran delle pacifiche manifestazioni di protesta per la morte di Mahsa Amini, la ventiduenne curda arrestata a Teheran il 13 settembre scorso per non aver indossato in modo corretto l’hijab, il velo che le donne iraniane sono obbligate ad indossare in pubblico per coprire i capelli dal compimento dei nove anni di età. La…

Read More

Entusiasmo popolare attorno alla piazza Rossa per l’annessione delle repubbliche popolari di Doneck e Lugansk e delle oblast’ di Zaporizhzhia e Cherson. L’Ucraina non più è la Novorossiya della Federazione Russa. Tra non riconoscimenti, minacce belliche ed inasprimento di sanzioni dell’entourage di Washington e Bruxelles.E l’autodeterminazione dei popoli stabilita all’art 1 della Carta delle Nazioni Unite e considerata tra i fini principali dell’Onu stesso?

Read More

Si è svolto questa mattina nella sede della Protezione Civile al Quadrante Europa l’incontro tra l’assessora alla Sicurezza, Trasparenza e Legalità Stefania Zivelonghi e le associazioni di volontariato della Consulta Comunale. Durante il sopralluogo l’assessore ha potuto assistere alle operazioni di carico di un autocarro diretto in Ucraina con beni di prima necessità grazie ad ulteriori donazioni che sono giunte all’hub gestito dal comune di Verona. L’assessore Zivelonghi ha voluto ribadire l’importanza del ruolo dei volontari, fortemente impegnati nelle attività di assistenza alla popolazione sia durante il periodo peggiore della pandemia sia durante i numerosi eventi meteo che hanno funestato…

Read More

A Mosca, nei pressi della piazza RossaLe cattedrali ortodosse di San Basilio e di Kazan’L’intervista all’“ucraino putiniano” Juri PodolyakaLa “bisboccia del commiato” nel tipico locale “Taras Bulba”Il ritorno in Italia via Istanbul Servizio, foto e video di Claudio Beccalossi All’aeroporto d’arrivo a Mosca ci ha accolto Andrew/Endryu, un collaboratore di Artiom (od Artem), sempre del ministero della Difesa della Federazione Russa, che s’è premurato d’accompagnarci ancora all’Hotel Holiday Inn. Lo stress per la pesante giornata precedente ed i muscoli rattrappiti per la prolungata permanenza in pullman non mi hanno fatto demordere dall’intenzione di visitare ciò che riuscivo di Moskva.…

Read More

Severi controlli per accedere alla centrale nucleare di ZaporizhzhiaMissile e drone-kamikaze mostrati dai russi come prove di attacchi ucrainiIl sopralluogo dell’IAEA nell’impianto bombardatoI boati delle esplosioni in lontananzaNervosismo alle stelle e rientro a Rostov sul Don ed a Mosca Servizio, foto e video di Claudio Beccalossi Da Berdyansk ad Energodar Alle ore 5:30 del 1° settembre, il gruppo ha dato l’addio all’Hotel “Ucraina” per poi percorrere le strade ancora insonnolite di Berdyansk in direzione di Zaporizhzhia e della centrale nucleare di Energodar.La scorta (con militari russi o filorussi dal viso seminascosto che è stato vietato fotografare o riprendere), davanti…

Read More

A Berdyansk, sotto controllo russo dal 27 febbraio scorsoLo show per i giornalisti nell’asilo d’infanziaI passaporti ucraini sostituiti da quelli della Federazione RussaSBU e “Myrotvorets” a caccia di “nemici dell’Ucraina” Dalle vecchie targhe ucraine alle nuove della Repubblica Popolare di DoneckIl curioso mar d’Azov Servizio, foto e video di Claudio Beccalossi L’Hotel “Ucraina” a Berdyansk Come al solito ad una velocità sostenuta, il pullman (con nazionalità targata, come molti altri autoveicoli nella DNR, con l’acronimo inglese DPR, cioè Donetsk People’s Republic) ha percorso gli 85 km che separano Mariupol da Berdyansk/Berdjans’k, città portuale sulla costa settentrionale del mar d’Azov,…

Read More

Doneck nel mirino di missili ucrainiGiornalisti a tu per tu col leader della Repubblica Popolare, Denis Vladimirovič PušilinL’opera russa di normalizzazione sociale a VolnovakhaLe rovine di Mariupol e la rapida edificazione di nuovi complessi residenzialiFinalmente svelato il “segreto” della “Z” su blindati ed automezzi militari di Mosca? Servizio, foto e video di Claudio Beccalossi Da Avilo-Uspenka a Doneck e Volnovakha Il 30 agosto, rispettato l’orario di partenza prima dell’alba, il pullman ha lasciato Rostov sul Don alla volta di Avilo-Uspenka, posto di confine prima con l’Ucraina ed ora con la Repubblica Popolare di Doneck (DNR, proclamata il 7 aprile 2014,…

Read More

“Dal 1963 Suor Maria portava aiuto, sostegno, amore, dedizione alle popolazioni del Mozambico. E’ terribile, inaccettabile, dolorosissimo sapere che proprio lì, proprio mentre compiva la sua missione di pace e carità, è stata brutalmente assassinata”. Con queste parole, il Presidente della Regione Veneto esprime il suo “immenso cordoglio” per la morte di Suor Maria De Coppi, originaria di Vittorio Veneto, avvenuta a causa di un attentato alla missione di Chipene. “Il primo pensiero – prosegue il Governatore – va alla sua famiglia, a tutti coloro (e sono tanti) che le hanno voluto bene, alle Suore Comboniane di cui faceva parte,…

Read More

Leggo quotidianamente le giuste lamentele degli imprenditori di ogni settore per la moltiplicazione dei costi delle bollette recapitate in questi giorni. E sarà sempre peggio. La cosa che mi lascia basito è che la politica non si sia accorta del rischio che avrebbe comportato la politica delle sanzioni alla Russia per gli effetti boomerang sulla nostra economia. È da mesi, se non anni, che denuncio la miopia e l’inefficacia di questa politica e rimango basito nel vedere che nessun economista italiano, tanto meno le associazioni degli imprenditori, abbiano mai seriamente messo in guardia di questo rischio. Si parla dell’effetto fingendo di…

Read More

“Oggi, nell’esprimere cordoglio per la scomparsa di Gorbaciov, va detto che non è sufficiente ricordarlo, ma bisogna imitarlo. Chi oggi governa la Russia prenda esempio da lui”. Con queste parole il Presidente della Regione Vento ricorda la figura di Mihail Gorbaciov, scomparso all’età di 91 anni. “Con la Perestroika – prosegue il Governatore – questo leader portò un raggio di sole e di pace nel mondo, nella quale credette fino in fondo. E’ stato protagonista in tanti passaggi fondamentali verso questo obbiettivo: dall’accordo con Bush del 1991, alla fine della guerra fredda, al disarmo nucleare. Fu anche attento al nostro…

Read More

Città del Vaticano, 24 agosto 2022 – Sono usciti amareggiati e delusi gli ucraini (tra cui molti profughi) che hanno partecipato all’Udienza generale di Papa Francesco nell’Aula “Paolo VI”. All’incontro pubblico erano presenti anche rappresentanti a vari livelli della comunità ucraina nella capitale e dintorni, oltre allo stesso ambasciatore straordinario e plenipotenziario del governo di Kyïv in Italia, Yaroslav Melnik (Dubrovytsia, 6 gennaio 1980) ed il discusso (consultare questo sito) presidente dell’Associazione Cristiana Ucraini in Italia, Oles Horodetskyy, che dagli scorsi mesi (in seguito all’offensiva in Ucraina delle forze militari della Federazione russa) è balzato alla notorietà in quanto pressoché…

Read More